Arcadia costruzioni sportive - Sito Web Ufficiale

Calcestruzzo 

Massetto realizzato con getto di calcestruzzo di cemento 32,5 R spessore 10 cm, in RCK 25, slamp S4, classe di esposizione XC1, privo di qualsiasi fluidificante che possa rendere instabile la superficie della pavimentazione ancora fresca in fase di lisciatura.
Il getto dovrà essere realizzato preferibilmente con pompa o betompompa (o comunque secondo le possibilità date dal cantiere) per permettere la corretta distribuzione del calcestruzzo su tutta la superficie e agevolare le operazioni di livellatura.
Nel getto dovrà essere inserita rete elettrosaldata maglia 20x20 diam. filo 5 con idonee sovrapposizioni.
La superficie finale del massetto dovrà essere perfettamente integra e non dovrà in nessun modo presentare delle parti disgregate, staccate o che spolveri. Non dovrà inoltre esistere la possibilità che la pavimentazione possa essere sporcata con qualsiasi tipo di liquido (oli, vernice ecc.) e non dovrà, nel modo più assoluto, essere bagnata.

FINITURA
Corazzatura superficiale con miscela antiusura composta da quarzo sferoidale ed idoneo legante, posta in opera con il sistema a “SPOLVERO” in ragione di Kg. 2/3 Mq.
Incorporo superficiale di detta miscela con fratazzatrice meccanica “ELICOTTERO” e lisciatura.
Taglio dei giunti in riquadri geometrici con idonea fresatrice meccanica da ml. 4 X 4, sigillatura degli stessi con giuntino in pvc nero.

BARRIERA AL VAPORE
La barriera al vapore costituisce un elemento importantissimo per le pavimentazioni in calcestruzzo soprattutto quando le stesse sono successivamente adibite alla posa di pavimentazioni resilienti, quindi incollate. Sia in situazione outdoor che indoor e consigliata la posa di fogli di polietilene o membrana HDPE per evitare il fonomeno dell’osmosi, ossia la risalita di umidità dal terreno verso il pavimento in calcestruzzo.
La barriera al vapore dovrà essere stesa in modo da ricoprire perfettamente tutta la superficie ove sarà poi predisposto il getto in calcestruzzo.